A Natale siamo tutti più buoni… anche con la Terra?

Tempo lettura: 5 minuti

Eh, sì! Il Natale è dietro l’angolo! Questa festa, che aspettiamo tutti con tanta gioia, arriva però quest’anno in una versione insolita. Lo sappiamo, cenoni, festeggiamenti, baci e abbracci dovranno essere misurati, nel nostro impegno comune per la salute di tutti.

Questa edizione “speciale” rappresenterà forse allora l’occasione per assaporare uno spirito natalizio meno frenetico, con ritmi più lenti e senza ansia da corsa all’ultimo regalo. Un momento per raccoglierci intorno agli affetti più cari e riscoprire i veri valori.

Come agenzia di comunicazione sostenibile, il nostro invito è quello di approfittare di questa ricorrenza per essere più buoni anche con il nostro Pianeta, che nella nostra salute riveste un ruolo tanto importante. Del resto, la Terra non è forse la nostra prima casa? E allora, quale spazio migliore del Natale per viverla e prendercene cura?

Dai regali ecosostenibili alle decorazioni per l’albero di Natale eco-friendly, di seguito abbiamo raccolto alcuni spunti per il tuo Natale “green style”.

E poiché il Natale è la festa dei bambini per eccellenza, non dimenticare di coinvolgerli nei tuoi preparativi. Sarà un’occasione unica per educarli al rispetto per l’ambiente, passando dell’ottimo tempo insieme.

Albero di Natale: sostenibile è bello!

Senza un albero, che Natale è? Sì ma… quale albero è sostenibile?

Prima di tutto, basta alberi finti di plastica e alberi veri tagliati. Non è un marketing sostenibile quello che alimenta questo commercio. Ogni albero vero è una vita, nonché l’unica macchina al mondo in grado di assorbire CO2. Non conviene tenercelo stretto?

Per avere un albero sostenibile, perché non addobbi invece una pianta già disponibile nel giardino di casa o sul terrazzo? Un melo, un acero, una siepe: tutto andrà bene! Basterà valorizzarlo con le giuste luci e i giusti addobbi.

Se invece una pianta ancora non l’hai, scegli una varietà autoctona che, passate le feste, possa comodamente essere messa a terra o coltivata in vaso sul balcone. Alle latitudini dove le alte temperature non consentirebbero agli abeti di attecchire, puoi puntare su piante sempreverdi meravigliose, come il ginepro, il corbezzolo, l’agrifoglio.

Se proprio non puoi rinunciare all’abete, allora assicurati che sia a km. 0, coltivato da un produttore locale, oppure che sia certificato per provenienza da un bosco sostenibile gestito in maniera responsabile. Dopo le feste, se non ti è possibile piantarlo, recati in un centro di raccolta preposto. Spesso sono gli stessi vivai che li ritirano. Diversamente, informati presso il tuo Comune.

In alternativa, esistono un’infinità di soluzioni per alberi di Natale eco-friendly davvero creativi, realizzati con materiali riciclati o di recupero – come legno, cartone, vetro, metallo – che hanno dalla loro originalità, costi contenuti e la possibilità di essere riutilizzati infinite volte.

Un esempio? Assi di legno di rimanenza, rami e pallet si prestano a soluzioni davvero di grande effetto!

Scatena la tua fantasia con addobbi sostenibili fai da te!

Scatena la tua fantasia con addobbi sostenibili fai da te!

Stai trascorrendo molte ore in casa? Allora è finalmente arrivata l’occasione di dedicarti a realizzare qualcosa di artigianale. Un’idea creativa, questa, utile anche per coinvolgere i bambini, affinare la loro manualità, avvicinarli alla geometria e sensibilizzarli al riciclo e al rispetto per l’ambiente. Tira fuori l’artista che è in te, dai il buon esempio e sorprendi tutti con decorazioni eco-friendly! Questo sì è un marketing sostenibile.

Ecco qualche idea che puoi realizzare utilizzando materiali ecologici o di recupero:

  • Palline di legno: fai tagliare un ramo dal tuo falegname e avrai tanti bei dischetti da dipingere o decorare a tuo piacimento. Una base per incollarci piume, muschio, pigne o per dipingerli… questi li abbiamo preparati noi, per le postazioni di Area55!
  • Vecchie lampadine: se non hai gettato le vecchie lampadine, questo è il momento giusto per dar loro una “nuova luce”. Colorate e appese all’albero, saranno una rivisitazione in chiave moderna delle palline in vetro tradizionali!
  • Palline di Natale in carta o cartone: un ottimo metodo per riciclare scatole di cereali, riso, pasta, ricavandone vere e proprie sfere. Un tocco di colore e la magia è fatta! Online troverai tantissimi tutorial per accompagnarti passo passo.
  • Carta seminabile per palline e fili di Natale: si tratta di veri e propri fogli di carta riciclata al 100%, disponibili in vari spessori e colori, che contengono semi al proprio interno. Ritaglia varie sagome e passa al loro interno un filo per collegarle fra di loro. Passato il Natale, metti la carta seminabile nel terreno e vedrai germogliare splendide piantine. Tanti i fiori disponibili: papaveri, zinnie, margherite… solo a Primavera scoprirai i nuovi colori del tuo albero!
  • Biscotti e dolcetti: appendili all’albero con un bel fiocco o con uno spago. Sarà un modo per ricordare le nostre origini, quando il cibo era davvero considerato un valore. Nei racconti dei nostri nonni, l’albero di Natale addobbato era infatti il simbolo dell’abbondanza. Meline rosse, arance, caramelle e biscottini facevano sognare i bambini che pregustavano queste leccornie con occhi sognanti, in quell’unico periodo dell’anno in cui potessero concedersi tanta “dolcezza”.

Per variare questa tradizione, puoi utilizzare anche fettine di arancio o di mela essiccate nel forno. Una variante super? Hai presente quelle belle zucche decorative che in questo periodo fanno sfoggio dei loro ammalianti colori tra i banchi della frutta? Perché non valorizzarle in questo modo?

Quali luci per l’albero di Natale ecosostenibile?

Le luci a basso consumo sono assolutamente da preferire. Le luci al led consumano fino all’80% in meno di quelle a incandescenza e durano fino a 30 volte di più. Per fortuna, perché a forza di bruciarsi, tutti gli anni finivamo con l’albero spento e con nuovi fili di lampadine da comperare, generando rifiuti e alimentando un’economia consumistica.

Per l’esterno, un’alternativa che ti suggeriamo, facile da installare, riutilizzabile e di sicuro effetto, è l’installazione di un proiettore natalizio a led. Questi faretti, normalmente dotati di filtri intercambiabili, proiettano soggetti illuminati sulle superfici. Potrai proiettare le luci sulla parete della tua casa o nel tuo giardino. Prova a illuminare con l’effetto neve le fronde di un albero o di una siepe: vedrai un risultato da sogno, come mille lucciole che lampeggiano tra i rami!

I regali inutili sono in via d’estinzione!

Un’economia che genera rifiuti non è sostenibile. Applicato al Natale: basta regali inutili!

In Area55 vogliamo promuovere il marketing sostenibile. Per questo ti invitiamo innanzitutto a valorizzare il lavoro dei produttori che puoi trovare nel tuo territorio. Il lavoro di artigiani e piccole imprese locali a km. 0 ha un valore inestimabile per fare girare l’economia della tua zona.

A livello nazionale, segnaliamo di seguito alcuni progetti italiani di attenzione. Si tratta di realtà che operano nell’ambito dell’economia green, che si impegnano per la società  e per l’ambiente, e che comunicano con i consumatori in maniera trasparente.

Adozioni a distanza:

  • Hai mai regalato una mucca? Questa la simpatica iniziativa della Valsugana e del Lagorai che, attraverso l’adozione di una mucca e una comunicazione sostenibile, mira a diffondere la conoscenza della cultura montana e a sostenere le antiche tradizioni locali che, diversamente, soccomberebbero a processi industrializzati. Con la carta d’identità della tua mucca sei invitato a recarti nella malga dove viene custodita, conoscerla e ritirare i formaggi prodotti con il suo latte. Un pretesto anche per un bel viaggio, no? Ne abbiamo così tanta voglia…!
  • Conosci qualcuno che è goloso di miele? Allora quale dono più bello dell’adozione di un alveare? Potrà monitorarlo tutto l’anno e ricevere il miele prodotto dalle sue api. L’idea è di 3Bee, che raccoglie apicoltori distribuiti in tutta Italia per supportarli nel loro ruolo di cura e difesa di questo prezioso insetto, anello fondamentale dell’intera catena alimentare, oggi a rischio di estinzione a causa di inquinamento e scarsità di cibo.
  • Se invece sei un amante del buon olio extravergine d’olia e desideri contribuire a preservare questa coltivazione e valorizzare questo prodotto italiano tra i più apprezzati al mondo, perché non scegli di adottare un ulivo? Diverse le regioni d’Italia che producono olio d’oliva DOP e IGP, in cui i coltivatori hanno aperto la possibilità di dare una pianta in adozione, per poi consegnare al “genitore adottivo” litri di olio DOP e IGP provenienti dalla spremitura delle sue olive. Alcune masserie aprono le porte durante il periodo della raccolta, coinvolgendo in questa esperienza chi abbia adottato un albero e desideri vivere in prima persona questa attività, a contatto con la natura.
  • Il WWF Italia celebra il Natale invitando a regalare un futuro al Pianeta. Collegandoti alla loro pagina, potrai decidere ad esempio di adottare una specie in via di estinzione, sostenere le squadre antibracconaggio, aiutare la riforestazione, combattere l’inquinamento da plastica. Oltre a questo, tanti oggetti realizzati nel rispetto dell’ambiente e del lavoro umano.

E-commerce sostenibili:

  • Gioosto è una piattaforma di marketing sostenibile che ci permette di conoscere anche i più piccoli brand italiani che operano nel rispetto per l’ambiente e delle persone, supportandoli nella commercializzazione dei loro prodotti. Alimentari, cura del corpo, oggettistica per la casa: scegli il regalo che preferisci e fallo recapitare a chi vuoi. Oppure regala una Christmas card e lascia scegliere a chi la riceve: così non sbaglierai mai!

Il sito include la possibilità di lasciare un contributo per una spesa sospesa, per chi non se la possa permettere.

  • Se vuoi andare sul classico e regalare un caldo maglione, una sciarpa, un cappello o altri accessori, ti segnaliamo il progetto di Rifò. Brand di moda etica nato nel cuore della Toscana, Rifò promuove un’economia circolare collaborativa, invitando i privati a conferire vecchi indumenti in cachemire e lana per rilavorarne le fibre, rigenerarle e creare nuovi capi di qualità e alla moda. Visita il loro sito, per la tua Christmas card o per sapere come contribuire al progetto con i tuoi vecchi vestiti, ottenendo uno sconto sui tuoi acquisti.

Quel regalino che costa poco da fare a tutti?

Tutti gli anni la stessa domanda: in ufficio, ai compagni di classe, agli amici che vedi più raramente, quale pensierino fare che costi poco, sia utile e originale? Niente paura! Abbiamo anche qui qualche idea regalo ecosostenibile per te!

Dalla Sicilia “con amore, con magia, con natura” arriva il progetto di Ecofactory, un’azienda familiare con collaborazioni a livello mondiale, dove potrai scegliere candele che fioriscono, matite da piantare, kit pronti per dar vita a una nuova pianta. Oppure potrai regalare una card che permetterà a chi la riceve di piantare un albero dove preferisce nel mondo con un semplice clic, seguendolo poi nella sua crescita.

Quale confezione regalo per difendere il Pianeta?

Qualsiasi cosa tu decida di regalare (quest’anno saranno apprezzati anche i pigiami!), ecco qualche consiglio per il tuo packaging sostenibile:

  • no carte glitterate! Sono di plastica e in alcune nazioni il loro utilizzo è già proibito
  • usa carta riciclata: un sacchetto del pane o un foglio di giornale, legato con uno spago e decorato con un ramoscello, una fettina di arancia disidratata o qualche bacca colorata farà sicuramente un’ottima figura!
  • in Giappone viene molto utilizzata la stoffa per i pacchetti: un vecchio fazzoletto, un foulard, un lenzuolo saranno davvero una confezione regalo insolita e sorprendente, qui in Italia. Sii tra i primi a lanciare questa moda sostenibile!

Meno tre, due, uno…

Nella nostra agenzia di comunicazione è tutto pronto!

E tu? Sei pronto a fare del tuo Natale un’occasione speciale nel rispetto del Pianeta e delle sue risorse?

Ricordati di seguire le nostre indicazioni per apparecchiare una tavola green e, se proprio non saprai resistere all’abbuffata, non gettare mai ciò che avanza: è dal recupero che nascono i migliori piatti della tradizione italiana! Online troverai mille ricette per valorizzare quello che è rimasto.

Non ci rimane che augurarti buone feste…

pochi abbracci, sì, ma mettici tutto il cuore!

Stay tuned and